Portogallo - Speciale Erasmus

A grande richiesta… il Bacalhau a Brás

aprile 4, 2008

Su richiesta della Cè, grande commentatrice del blog, ecco la traduzione della ricetta! Buon appetito e fatemi sapere com’è venuto! In ogni caso c’è sempre la possibilità di venirlo a gustare personalmente dalla mitica e impareggiabile Tì Natercia!

Baccalà à Brás (E’ il nome dell’inventore. All’inizio siamo stati tutti tratti in inganno dall’assonanza con l’italiano “brace”, che però in portoghese si dice “assado”)

Ingredienti:
Per 4 persone

  • 400 g di baccalà ;
  • 3 cucchiai di olio ;
  • 500 g di patate ;
  • 6 uova ;
  • 3 cipolle ;
  • 1 spicchio d’aglio ;
  • prezzemolo ;
  • sale ;
  • pepe ;
  • olio ;
  • olive nere

Preparazione:

Mettere a mollo il baccalà come si fa abitualmente, togliere pelle e spine e spezzettare con le mani.
Tagliare le patate a bastoncini e le cipolle a rotelle finissime. Tritare l’aglio.
Friggere le patate in olio ben caldo finché diventano leggermente dorate. Asciugarle con carta assorbente.
Nel frattempo, mettere al fuoco una casseruola, dal fondo spesso, con l’olio, la cipolla e l’aglio e lasciare scaldare lentamente finché non è cotta la cipolla. Aggiungere, a questo punto, il baccalà fatto a pezzi e mescolare con un cucchiaio di legno affinché il baccalà sia ben impregnato di grasso.
Unire le patate al baccalà e con la casseruola al fuoco gettate le uova leggermente sbattute e con sale e pepe.
Mescolare con una forchetta, e quando le uova formano un impasto omogeneo, cotti, togliere immediatamente la casseruola dal fuoco e rovesciare il baccalà in un piatto o in un vassoio.
Spolverare con prezzemolo tagliato e servire ben caldo, accompagnato con olive nere.

[Foto di Javier Lastras]

You Might Also Like

2 Comments

  • Reply Anonymous aprile 4, 2008 at 2:32 pm

    O brava, sembra quasi che tu sappia cucinare, peccato che il tuo piatto forte, il amssimo che tu sappia mettere su, sia il pane con olio e sale!
    Papi

  • Reply Anonymous aprile 4, 2008 at 4:14 pm

    La mia frase preferita è
    “affinché il baccalà sia ben impregnato di grasso”…
    😀

  • Leave a Reply