Portogallo - Speciale Erasmus

Parentesi culturali

maggio 17, 2008
Pannello centrale delle Tentazioni di S.Antonio di Bosch

A Lisbona si respira cultura, che credete?
Ieri ho visitato con Miguel e le due amiche francesi il Museo Nacional de Arte Antiga.
Louvre ed Uffizi contro Arte Antiga Portuguesa. Per una volta Francia ed Italia alleate per la vittoria. Il museo di Arte Antiga, infatti, mi aspettavo offrisse qualcosa in più. E’ considerato il gioiellino di Lisbona, con il suo palazzo del XVII secolo noto come Palacio das Janelas Verdes (Palazzo dalle finestre verdi) appartenuto all’onnipresente Marques de Pombal.
Dentro le opere degne di menzione si contano sulle dita delle mani:
Adorazione di San Vincenzo (1460 ca.), attribuito a Nuno Gonçalves, pittore maggiore esponente dei primitivi portoghesi (scuola fiammingo-lusitana attiva tra il 1450 e il 1505, scuola che prese vita dall’arrivo in Portogallo di Jan Van Eyck);
Le tentazioni di S. Antonio (1505) di Bosch, forse l’opera che ho apprezzato di più in tutto il museo;
S. Geronimo di Durer;
S. Leonardo di Andrea della Robbia e varie opere di molti autori fiorentini;
– Manufatti indiani, giapponesi (tra cui i bellissimi paraventi Namban) e cinesi (nella fattispecie vasi, troppi vasi Qing);
– Gioielli e reliquiari forgiati con l’oro delle conquiste territoriali di Vasco de Gama (anche lui onnipresente, se la gioca a share con Marques de Pombal).

La mia giornata di ieri è proseguita con una ricerca di marketing sulla Ferrari e relativo conto in banca con il grande Marco, un ottimo risotto di mare eseguito magiastralmente dal neofita Barone nei panni di cuoco e con un livellamento della cultura totale della giornata con la produzione di alcuni, fantastici, fotomontaggi con le foto dell’Erasmus. Se i soggetti coinvolti mi daranno il permesso, i capolavori saranno pubblicati qua!

You Might Also Like

2 Comments

  • Reply Anonymous maggio 17, 2008 at 6:02 pm

    contento che ti sia piaciuto Bosch.
    Quando con la mamma abbiamo visitato velocemente il Prado a Madrid, chiesi alla guida di farmi vedere le opere di Jeronimus Bosch che gli Spagnoli chiamano El Bosque. E’ un visionario incredibile se pensiamo in che anni ha dipinto le sue opere.
    Buon fine settimana
    papi

  • Reply Anonymous maggio 18, 2008 at 12:44 am

    Cucciola! Grazie x il tuo commento. come avrai dedotto la serata di venerdì non è stata molto ben vissuta; io mi sarei anche rotta di fungere dalla scienziata della pace di turno! Sono venuti i vigili perchè un vicino ha lammiato, i miei colleghi fanno gli stinfi ed io mi deprimo!!! poi mi manca una seconda voce post-briaa che faccia ridere tutti!
    Ah, ma questo Bosch dipengeva trapani?
    T.v.t.b
    Laula

  • Leave a Reply