Portogallo - Speciale Erasmus

Aggiornamenti

luglio 12, 2008

Mentre tra una pagina e l’altra di questo maledetto esame di lunedì penso mentalmente alla lista delle cose che voglio fare prima di andarmene succedono cose più o meno degne di nota come:
– ogni volta che dico di voler tornare a casa presto faccio le 5 di mattina;
– dopo aver spiegato a Lotty la traduzione di “scarpaccia viareggina” è andata a finire che mi ha salutata dicendomi “Obrigada pelos sapatos” (sapato in portoghese è scarpa);
– sono stanca;
– devo preparare uno scatolone di roba che per certo non mi entrerà in valigia e devo spedirlo a casa, tutto ciò è una pugnalata alla bocca dello stomaco;
– ieri sera sono andata a cena da Natercia con Francesco, Tiago e Lotty e sono stata chiamata da Fernando tutta la sera “a feia” (la brutta) per poi sentirmi chiedere il numero di telefono. Perché i portoghesi devono fare immensi giri prima di arrivare al punto;
– che sono stanca l’ho già detto?

You Might Also Like

1 Comment

  • Reply Anonymous luglio 14, 2008 at 11:17 am

    Dai, ho appena saputo che l’esame ti è andato bene e quindi finalmente puoi dedicare queste due ultime settimane al relax, ai viaggi, ad arricchire l’anima di paesaggi ed esperienze!
    Poi sarà il momento del rientro, la fine di una esperienza bellissima, ma non per questo la fine della possibilità di averne altre in futuro.
    Ti lascio con una frase che noi tutti in famiglia sentiamo di poterti dedicare, e che te a tua volta potresti dedicare a qualcuno, magari non proprio di famiglia, almeno per ora:

    “Ci sono momenti in cui qualcuno ti manca così tanto, che vorresti tirarlo fuori dai sogni per poterlo abbracciare”

    Bacio
    Papi

  • Leave a Reply