Europa Francia Viaggi

La ville Lumière

ottobre 17, 2008

Cerca le differenze tra me e la Stryge…
 
Della serie “non posso stare lontana da una capitale”, da lunedì pomeriggio a ieri sera il fantastico trio composto da Samba, Papà Orso e Mercoledì è volato alla volta di Parigi senza dire niente a nessuno, visto che gli ultimi tentativi di partire erano sempre finiti male.
Una tre giorni di chilometri macinati all’ombra del Louvre e della Tour Eiffel, camminando tra un meltin pot che mi fa sempre invidiare, insieme all’efficienza dei mezzi di trasporto, la vita di città, tanto da essere quasi giunta alla conclusione che forse vivere in una megalopoli non sarebbe poi tanto male.
Non abbiamo perso nemmeno un secondo, cercando di cogliere da questa città, che vedevo per la seconda volta, ma della quale è impossibile stufarsi, ogni angolo, scorcio, viso, sfumatura che offre. Quartiere latino, Champs élisées, quattro ore nel museo d’Orsay (emozionate), tutta Parigi vista dalla sommità della celebre torre del signor Gustav, sognare di essere nel bel mezzo di Notre Dame de Paris una volta trovatami sotto Emmanuel, la campana gigante di Quasimodo. E mille altre bellezze ancora.
Insomma, che altro importa aggiungere… è Parigi, è già stato detto tutto su di lei.

You Might Also Like

5 Comments

  • Reply Martolla ottobre 19, 2008 at 10:07 am

    😀 avete fatto bene Sere!(anzi..Serre!) e ora cosa stai combinando di bello? Io mi sono finalmente iscritta all’associazione erasmus di sassari e ho aiutato a preparare il Benvenuto erasmus,abbiamo fatto un rinfresco e una festa 🙂 poi..cerco disperatamente di studiare..pensa che tra gli erasmus c’è un portoghese,però è asociale (caso strano..),è stato preso in ostaggio da me e altri 5 che avevano fatto l’erasmus in portogallo,dopo un po ha finto di andare in bagno e si è divincolato auhauha…però almeno ho rispolverato un po di portoghese! 😀

  • Reply Mercoledì ottobre 20, 2008 at 10:43 pm

    Serre a meeee????Come osi?!!!!
    Grande organizzatrice Marta…io invece son stata scaricata dalle portoghesi dopo che si erano sistemate, quindi dovrò inventarmi qualcos’altro per parlare portoghese…aspettiamo il resoconto di Marco a Lisbona!
    A presto bella portuguesa!!!

  • Reply u marcu ottobre 20, 2008 at 11:23 pm

    Ciao belle fie! Tanto per cominciare noi, qui, a Lisboa, si gira ancora in maniche CORTE, altro che la giacca di seRRRRe nella foto: Lisboa 1- Parigi 0.
    Io torno nella triste e fredda Italia mercoledi prossimo e vi faro’ il resoconto, intanto vi dico solo che ho lasciato il curriculum in ambasciata, e che devo chiudere qui perchè la tastiera francese di Miguel NON E’ QWERTY e mi sta facendo impazzire: lisbona 2 – parigi (e francia tutta) 0

    ps: vi salutano tutti
    ps2: nonostante tutto nemmeno parigi poi é cosi male, e orsay è stupendo
    ps3: domani per l’ultimo giorno Feira da Ladra e Ti Natercia, se riesco anche Belem e Janelas Verdes

  • Reply Mercoledì ottobre 21, 2008 at 12:22 pm

    Oh Marco non vedo l’ora di sapere che hai combinato con quei pazzi…Se ci riesci dai un bacio a Miguel, Tiago e Lotty da parte mia!Agli altri bastano strette di mano e pacche sulle spalle!Digli a quei 2 stronzetti che erano miei coinquilini che possono anche scrivermi ogni tanto!

    A presto
    E un bacio alla mia Lisboa…
    Ma in Rua dos Douradores che succede?!

  • Reply Anonymous ottobre 21, 2008 at 5:33 pm

    Visto che siamo in argomento clima vi dico che da quando son tornata non ho mai dovuto mettere il giubbotto neanche di notte,il tempo non solo è da maniche corte ma direi da spiaggia :DD sardegna-resto del mondo 10-0.
    bacioni!!

  • Leave a Reply