Cose belle

Per la ministra Gelmini e le sue classi al 30%

gennaio 9, 2010

Quando i nazisti sono venuti a prendere i comunisti,
ho taciuto
non ero certo un comunista

Quando hanno incarcerato i socialdemocratici
ho taciuto
non ero certo un socialdemocratico

Quando sono venuti a prendere gli operai
ho taciuto
non ero certo un operaio

Quando hanno preso gli ebrei, ho taciuto
non ero un ebreo

Quando sono venuti a prendere me,
non c’era più nessuno che potesse protestare

Martin Niemöller

Sono totalmente contraria a questo tetto imposto alle classi miste, perchè non vedo come una separazione possa portare ad una integrazione invece che ad un ghetto.
Sono contraria perchè casomai dovremmo investire in più insegnanti o più strutture, potremmo fare dei corsi gratuiti di italiano per stranieri in modo che poi i bambini possano tranquillamente seguire le lezioni insieme ai compagni nati in Italia.
Quando c’ero io alle elementari e alle medie, e non avevo nessun Mohammed o Paula o Akuro in classe, c’era comunque chi aveva problemi in italiano e allora gli insegnanti facevano dei compiti speciali per loro e li seguivano con più impegno, ma nessuno veniva messo in un’altra classe come fosse in punizione.
Insomma a cosa possiamo arrivare con le classi al 30%? Lasciamo che questo 30% si affianchi a “grassi” o “fondente” o “scremato”. Accanto a bambini non sta per nulla bene.

Ps: In Portogallo hanno approvato il matrimonio tra omosessuali. E noi??? SVEGLIAAAA!

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply