Cose belle

Promemoria

agosto 27, 2010

Google Analytics ai minimi storici mi ricorda che un blog, se va in vacanza col propietario, si riduce in uno stato di abbandono che va risollevato con coraggio, sfidando l’ansia da pagina bianca che assale gli scrittori e, in questo periodo, la mia vita.
In teoria so cosa dovrei fare per risollevare questo stallo che c’è, non faccio altro che psicanalizzare come faceva il buon vecchio Sigmund di cui una cara amica desiderava il poster in camera (il nome dell’amica in questione è stato digitato – ovviamente in modo inconscio – sotto forma di verbo nella medesima frase).


Se anche la tua tutor ti dice che non è aria, che ti devi guardare intorno e lottare per un futuro migliore significa che bisogna sfare tutto e ricominciare.
Se ogni santo giorno leggi annunci di lavoro che alla voce “comunicazione toscana” mettono offerte per promotori di contratti telefonici e giustamente ti incazzi.
Se la frase che pensi più spesso è “volevo andare a New York e mi ritrovo in padule” e hai la testa tra le nuvole 24 h su 24 è veramente il arrivato il momento di buttarsi.
Allora da oggi basta con libri, film e persone deprimenti, da oggi solo sorrisi, ottimismo e una sana dose di menefregismo!
E ora scusate se vi lascio, devo andare a leggere “Gente di Dublino” ascoltando i Placebo…

You Might Also Like

5 Comments

  • Reply marco settembre 1, 2010 at 9:06 am

    Basta coi libri deprimenti e poi ti metti a leggere i Dubliners? Ehehehe, non che sia il massimo dell’allegria quel libro!
    Ciao Sere, rieccomi tornato dall’InterRail balcanico. Poi ti devo raccontare!

  • Reply Anonymous settembre 1, 2010 at 4:17 pm

    Non ti buttare giù, sei solo all’inizio. Lo so che hai fatto il massimo per la tua laurea e che ti aspetteresti il massimo dalla vita, ma non sempre è così. Per prima cosa devi capire dentro te stessa quale sono le tue aspirazioni. Vuoi un lavoro sereno vicino a casa che ti permetta di fare anche la compagna/moglie/concubina ecc. e per questo sei disposta a rinunciare a parte delle tue aspirazioni iniziali? vuoi avere il massimo possibile dalla tua laurea e per questo sei disposta a lasciare famiglia, fidanzati, luoghi ecc.? certo l’ideale sarebbe il massimo possibile senza rinuciare a niente, e ti auguro che questo sia possibile, ma se non lo fosse e fosse necessaria una scelta, devi essere pronta a farla seguendo il tuo cuore e la tua testa, che magari non sempre vanno nella stessa direzione 🙂
    da parte mia lo sai che sarei sempre pronto a favorire ogni tua scelta, anche se dovesse costarmi in termini affettivi.
    Coraggio, lotta! Un bacio
    Papi

  • Reply Mercoledì settembre 1, 2010 at 5:02 pm

    @Marco: ce l’ho quasi fatta a finire Dubliners! Peso!
    Non vedo l’ora di sentire il resoconto del viaggio!
    Sei già tornato a lavoro, vero? Baci

    @Papi: in teoria è facile, poi a prendere decisioni non sono un granchè! Speriamo di fare la scelta giusta. Smack.

  • Reply Anonymous settembre 2, 2010 at 11:00 am

    il mio allenatore quando mi vedeva soffrire mi diceva:
    Rien sains pein (non ricordo come si scrive ma il significato è chiaro: neiente senza soffrire, magri solo un pò :))

  • Reply Mercoledì settembre 6, 2010 at 9:09 am

    @anonimo: 🙂
    grazie…

  • Leave a Reply