Cose belle

Twitter: una mini-guida per i nuovi arrivati

ottobre 31, 2011
twitter-logo

Quando un anno fa ho creato il mio primo account Twitter in occasione della Festa dell’Uva di Capoliveri non non avrei di certo pensato di arrivare ad utilizzarlo con assiduità e passione.
Da un po’ di tempo mi ritrovo, infatti, a parlarne in modo entusiastico con chi ne è a digiuno.
La personalissima campagna di sensibilizzazione che sto portando avanti ha coinvolto persone a me vicine, ma con loro ho riscontrato un po’ di smarrimento (normale) che si prova da principianti.
La principale critica che viene mossa al social in questione da chi non lo usa (mia sorella in primis) è “ma che me lo faccio a fare un account su Twitter?”. Ecco, voglio provare a dare una risposta a questa domanda!
Questo post vuole, dunque, essere un aiuto per tutti i newbie ma non ha assolutamente la pretesa di essere onnicomprensivo o tecnico.


Buone twittate! 🙂

Principio base di Twitter
La regola d’oro di Twitter è la brevità intesa come poche batture a disposizione per dire tutto (sono solo 140 caratteri) e come immediatezza. Penso che sia un ottima palestra per imparare la sintesi – dono di cui poche persone sono dotate – e per arrivare al punto senza girare troppo intorno alle questioni.
In inglese twitter significa “cinguettio” o “pigolio”, però ho scoperto una piccola curiosità: “to be all of a twitter” significa “essere tutto agitato, eccitato” quindi occhio! 😉

Primi passi su Twitter
Innanzi tutto bisogna creare un account. La cosa è piùttosto semplice, occhio soprattutto alla scelta del nickname: in un social network in cui bisogna rientrare in 140 caratteri bisogna evitare nomi lunghi, pena il drastico accorciarsi dello spazio a disposizione per il contenuto del tweet.

Personalizzare Twitter
Tra le varie cose che si possono fare sulla propria pagina personale di Twitter c’è la redazione di una biografia (ovviamente breve!), selezionare un tema come sfondo nella sezione “Aspetto” e caricare una foto come immagine del profilo (basta con queste uova di default!).

Il dizionario di Twitter
(sottotitolo: le parole sono importanti)

Tweet: messaggio di 140 caratteri.
Twetter: chi utilizza Twitter (in Italia si usa anche twittero/a ma non suona granché).
Followare/Defolloware = seguire/smettere di seguire un account. La cosa fantastica di Twitter è che, a differenza degli altri social network, non fa stabilire relazioni bidirezionali: tu puoi seguire me ma non è detto che io segua te e viceversa.
Follower: persone che ci seguono su Twitter
Following: persone che seguiamo su Twitter
Hashtag (#): va messo davanti a una parola per dare rilevanza a un concetto e, cliccandoci sopra, permette di seguire l’argomento atraverso i tweet di tutti (anche quelli dei non follower).
Menzioni (@): sono i tweet che parlano di noi o sono rivolti a noi. Sono pubblici e finiscono nel flusso della TL (vedi sezione sigle), quindi occhio a quello che scrivete! Si può rivolgere il messaggio a più persone contemporaneamente (140 caratteri permettendo) inserendo più “chioccioline” nel testo.
Tendenze (TT o Trend Topic): sono gli hashtag maggiormente utilizzati in un preciso momento. Entrare nelle tendenze significa per un argomento o un personaggio avere un certo successo su Twitter.
Ricerche: è possibile salvare un hashtag di nostro interesse e non perdere nemmeno un tweet di quell’argomento. Risulta molto utile per seguire un evento sia in presenza (a volte si creano delle vere e proprie conversazioni e botta e risposta) sia senza essere presente (ma se i twetters sono particolarmente bravi sembrerà di esserci!).
Liste: siete vittime della immensa quantità di informazioni della società moderna? Questo strumento vi permetterà di mettere ordine tra i tweet dividendo i following in liste per argomento o categoria. Sarebbe cosa buona e giusta, ma io non le uso! :p

Le sigle (queste sconosciute)
DM (Direct Message): Messaggio privato diretto ad una persona sola.
TL (Timeline): equivalente della pagina “Notizie” su facebook, è costituita da tutti i tweet delle persone che si seguono.
RT (Retweet): è la ripetizione del tweet di qualcun altro. Si usa quando si apprezza e si vuole condividere coi propri follower un tweet. Non nego che si provi un certo piacere quando ciò accade!
“Cita il tweet” permette di aggiungere qualcosa di personale al retweet.
#FF (Follow Friday): è la moda del venerdì, ha lo scopo di consigliare ai propri follower chi seguire e perché inserendo nel tweet l’hashtag #FF. A me non sta particolarmente simpatico, ma tant’è. (Ora nessuno mi inserirà più tra i #FF!)

Netiquette
Esiste anche un galateo non scritto di Twitter, che si apprende (o si dovrebbe imparare!) mano a mano che si usa. Sta molto alla sensibilità delle persone distinguere tra ciò che è buona prassi e ciò che è meglio evitare. A mio personale avviso è carino ringraziare se qualcuno ci dà buoni consigli o link utili, evitare di litigare pubblicamente sulla TL, non usare più di tre hashtag, evitare di scrivere tutto in maiuscolo (questo dovunque). Se si usa Twitter come azienda è carino ringraziare i nuovi follower e non spammare con offerte e messaggi insistenti.

Considerazioni a margine
Avete presente quei vecchietti che ripetono “si stava meglio quando si stava peggio”? A costo di sembrare un’ottantenne che si lamenta della vita, devo dire che twittavo più liberamente quando eravano in meno.
Infatti, per quanto sia divertente convincere amici e parenti a creare un account, è altrettanto vero che il modo di usare Twitter sta cambiando: conoscere sempre più follower di persona porta a darsi un certo contegno nel twittare cose personali, com’era invece all’inizio. Che sia un bene? Forse sì, il personal branding passa anche da qui! 🙂
A proposito, il mio account è @serenapuosi  😉

You Might Also Like

10 Comments

  • Reply Girovagate ottobre 31, 2011 at 1:44 pm

    Allora: DM = Direct Message, #FF, #TT, #ç*$fq%p§sw$….

    tutto chiaro!

    Oh brava twittera! Ops, tweettera ;P

  • Reply Mercoledì ottobre 31, 2011 at 1:47 pm

    Ahahahahah! Mi fai schiantà!
    Diciamo tuittera e tagliamo la testa al toro, anzi, all’uccellino di Twitter!

  • Reply Giuseppe ottobre 31, 2011 at 1:48 pm

    Dopo Volterra non tweetinamo più? 😀

    Ti sei dimenticata una cosa importante… 🙂 come scegliere il nick giusto! 😀

  • Reply Mercoledì ottobre 31, 2011 at 1:51 pm

    Ahahaahahah!
    No Giuseppe, sono convinta che twitteremo anche DURANTE Volterra! Siamo twitter-addicted!

    Su come scegliere il giusto nome puoi fare un guest post, che ne dici? 🙂

  • Reply Giuseppe ottobre 31, 2011 at 2:00 pm

    Ahahah vediamo cosa succederà a Volterra #twi, per adesso sono senza smartphone, e twitter mobile per il mio cel fa un po’ schifo! 😀 Perché no! Domani mentre mi riprenderò dalla sbornia di Halloween mi farò venire in mente qualcosa per il GP di Twitter! 🙂

  • Reply Mercoledì ottobre 31, 2011 at 2:05 pm

    Se sei in resaca completa fai con calma! 🙂
    Io ti devo ancora un post sul bacalhau a bras… fai un po’ te!

  • Reply Giuseppe ottobre 31, 2011 at 2:10 pm

    ahahha vero ^_^ mi ero proprio dimenticato che una bella fanciulla mi avesse promesso come fare la ricetta del “bacalhau a bras” pensavo di averlo sognato 😛

    Nel GP rivelerò a tutto il mondo come ho fatto ad ottenere l’account @eurotrip 😀 da tempo emigrato in Brasile 🙂

  • Reply Mercoledì ottobre 31, 2011 at 2:16 pm

    Ogni pormessa è debito… a tempo debito! 🙂 Sono un po’ a rilento, ma provvederò!
    Aspetto di sapere del Brasile e un sacco di altre cose ganze allora!
    Gracias!

  • Reply cooksappe ottobre 31, 2011 at 3:51 pm

    grazie per le info!

  • Reply Mercoledì ottobre 31, 2011 at 3:55 pm

    Di niente!
    E’ stato un piacere scriverle!

  • Leave a Reply