Love Post

Sulla strada

gennaio 13, 2012
You’ll stumble in my footsteps
Keep the same appointments I kept
If you try walking in my shoes
If you try walking in my shoesWalking
In My Shoes – Depeche Mode

A occhi bassi camminavo e fissavo senza guardarlo il suolo sotto ai miei piedi. Sovrappensiero, tiravo un calcio a qualche sasso capitato per caso sul mio cammino e, vuoi per l’aria fresca d’inverno, vuoi per la giornata di pausa che mi ero presa, mi sono messa a pensare che da tempi immemori gli uomini si sprecano a suon di metafore sulla strada.

La vita stessa è un cammino, un solco già tracciato da qualcuno più in alto per i credenti, un sentiero avventuroso per i coraggiosi e gli spavaldi, un vicolo cieco per chi non vede un futuro, una strada accidentata per chi incontra troppi ostacoli, un percorso ricco di sorprese per coloro che sanno godere delle piccole gioie quotidiane, una pista di decollo per gli ambiziosi.

Dal momento in cui veniamo alla luce al momento in cui la terra si fa lieve su di noi camminiamo verso una meta, ci troviamo di fronte a bivi, inseguiamo un sogno lontano, corriamo per raggiungere qualcuno, rallentiamo per capire che sta succedendo, ci scontriamo in un muro, sorpassiamo persone, ci lasciamo alle spalle la polvere, evitiamo gli ostacoli, li saltiamo o ci inciampiamo. Se siamo felici camminiamo a un metro da terra.

Tutto ha a che fare con la strada, si potrebbe continuare un’ora o più. Poi vanno aggiunti i modi di dire sulle scarpe: non c’è cosa più spiacevole che averne di scomode e dover andare avanti. C’è l’inglesismo “nelle tue scarpe” che mi è sempre piaciuto perché empatico e veritiero. Lo dicevano anche i nativi americani: “non giudicare il tuo vicino finché non avrai camminato per due lune nelle sue scarpe”.

Se riusciamo con tanto coraggio a dire cosa non ci va ci togliamo un sassolino da una scarpa, c’è il lavoro che può andarti stretto, c’è il vestito che calza a pennello, ognuno ha il suo tallone d’Achille, dopo aver superato una difficoltà abbiamo oltrepassato i macigni sul nostro cammino. A volte usiamo mappe incompresibili senza legenda, ci distraiamo e finiamo in qualche buca, altre volte mettiamo le ali e voliamo oltre.

Tra le abusate metafore sul camminare ce n’è una che prediligo: farmi prendere per mano e fare un tratto di strada in compagnia.

Hey, I put some new shoes on,
and suddenly everything is right,

I said, hey, I put some new shoes on
and everybody’s smiling,
it so inviting,
Oh, short on money,
but long on time,
slowly strolling in the sweet sunshine,

and i’m running late,
and i don’t need an excuse,

‘cause i’m wearing my brand new shoes.

New shoes – Paolo Nutini

Le scarpe delle foto sono state offerte ai blogger di Travel Different dal nuovo sponsor Stonefly che ringrazio di cuore! Le scarpe sono favolose e le ho sempre indosso!

 

You Might Also Like

7 Comments

  • Reply Giovy gennaio 13, 2012 at 2:11 pm

    Ah però!!! 🙂

  • Reply Mercoledì gennaio 13, 2012 at 2:20 pm

    Ogni tanto un bel regalo ci sta proprio bene! 🙂

  • Reply Mercoledì gennaio 13, 2012 at 2:35 pm

    C’è anche questa canzone!
    http://youtu.be/FMoTrPY-cP0

  • Reply Chris gennaio 18, 2012 at 12:41 pm

    Mi piace molto quello che hai scritto sulla strada e se mi permetti vorrei aggiungere che di strade ce ne sono davvero tante:

    L’uomo puo’ scegliere quella piu’ tortuosa, puo’ prendere una scorciatoia o puo’ addirittura fermarsi a riposare.

    Purtroppo, non possiamo fermarci e la fine e’ uguale per tutti e sicuramente finira’. E’ questo che mi rende triste molte volte, la coscenza che un giorno tutto finira’. Invidio molto gli animali ALCUNI dei quali non sanno che la strada finisce, come si suol dire, the ignorance is a blessing…

  • Reply Mercoledì gennaio 18, 2012 at 1:21 pm

    @Chris: the ignorance is a blessing…
    ci penso spesso anche io.
    Infatti chi non sa sta meglio in genere.

    Grazie per le cose che hai aggiunto sulla strada!

  • Reply valentina gennaio 21, 2012 at 11:18 am

    Leggendo le tue parole, mi son venute alla mente queste altre parole…

    E se hai fiducia puoi cambiare scarpe…
    Se hai scarpe nuove puoi cambiare strada
    E cambiando strada puoi cambiare idee
    E con le idee puoi cambiare il mondo…
    Ma il mondo non cambia spesso
    Allora la tua vera Rivoluzione sarà cambiare te stesso

    “Vivere la vita” – A. Mannarino

    E’ proprio un piacere leggerti 🙂

  • Reply Mercoledì gennaio 21, 2012 at 11:30 am

    Grazie mille Valentina!
    I tuoi complimenti mi fanno davvero piacere.
    Che carina la canzone di Mannarino.

  • Leave a Reply