Blog tour Europa Italia Toscana

Pontassieve, Toscana autentica

novembre 26, 2012
pontassieve

Le colline toscane mi hanno sempre ricordato i fianchi di una donna sdraiata in attesa del suo amante. L’ho sempre vista corpulenta ma non grassa, semmai di quelle che guardi e pensi che un giorno avrà tanti figli, perché Madre Natura l’ha fatta sposa e non si può arrestare il fluire ancestrale delle cose.

pontassieve

Pontassieve – Fattoria Lavacchio

Sono felice di vivere qui, tra cielo terso, filari ormai addormentati in attesa di una nuova vendemmia e cipressi schietti di cui varie penne hanno elogiato le armonie. Qui il giorno si accende filtrato da foglie ingiallite dalla stagione e muore quasi arrendendosi, cullato dalle rotondità del verde di cui non si vede la fine.

pontassieve

Pontassieve – Fattoria Lavacchio

L’uomo si insinua tra questi equilibri, provando a non scombussolare quella vita che pare scorrere immutata da secoli. Si siede a un tavolo e mangia i frutti della terra, beve con gusto il nettare del suo lavoro e interrompe le gradazioni di verde colorando oggetti con l’arcobaleno a sua disposizione.

pontassieve

Pontassieve – Fattoria Lavacchio

Le inquietudini si scaricano dai polsi col crepitare dei primi camini accesi: nemmeno il vento che si insinua dalle crepe dei vecchi infissi può interrompere questa riconciliazione con la natura.

pontassieve

Pontassieve – Fattoria Lavacchio

Penso alla mia infanzia, a tutti i pomeriggi che ho passato correndo nei campi coltivati dai miei nonni, li ringrazio in silenzio perché mi hanno trasmesso questo sangue selvaggio, questo bisogno di sbucciarmi le ginocchia tra la terra.

Informazioni

Via di Montefiesole, 55 50065
Pontassieve (FI)

pontassieve

Pontassieve – Fattoria Lavacchio

Grazie a Smartbox per l’invito e la piacevole giornata!

Per una descrizione completa della giornata e delle strutture viste appoggio in pieno quando scritto da Alessandro di Girovagate! Per fortuna che ci sono anche travel blogger seri! 😉

You Might Also Like

9 Comments

  • Reply Federica Giuliani novembre 27, 2012 at 8:32 am

    Anche io amo vivere in mezzo alla natura e, da quando ho abbandonato la città, non mi sono mai pentita. Nemmeno quando c’è la neve da spalare 😉

  • Reply Mercoledì novembre 27, 2012 at 8:55 am

    Meglio la neve dello smog! Ciò non toglie che le città mi attirino e offrano molte opportunità, però sono da prendere a piccole dosi! 🙂

  • Reply Girovagate novembre 27, 2012 at 9:10 am

    la tua è poesia,
    la mia solo (modesta) prosa…

    PS: anch’io avevo sempre le ginocchia sbucciate! 😀

  • Reply Federica Giuliani novembre 27, 2012 at 9:26 am

    Le città mi piacciono da visitare…non da vivere 😉

  • Reply Mercoledì novembre 27, 2012 at 9:33 am

    @Girovagate: ripeto, meno male che hai scritto te cosa abbiamo fatto ( e l’hai scritto veramente bene!).
    La prossima volta che ti vedo ti porto i cerotti per le sbucciature!

    @Federica: anche io preferisco visitarle e poi tornare al mio orticello! 🙂

  • Reply L'Atelier di Pilàf novembre 27, 2012 at 1:22 pm

    mi piace tantissimo questa tua veste per raccontare una giornata ed un luogo così piacevole…credo che la sensibilità sia lo strumento più potente per arrivare dritto al cuore,complimenti!
    Angela

  • Reply Mercoledì novembre 27, 2012 at 3:45 pm

    Angela grazie per le tue belle parole, mi fa davvero piacere che tu sia passata di qua e che tu abbia apprezzato! Un abbraccio!

  • Reply Silvia dicembre 4, 2012 at 2:22 pm

    Mi è piaciuto molto questo post. Mi sono seduta comoda… la lettura del tuo blog è sempre piacevole. ciao bella!

  • Reply Mercoledì dicembre 4, 2012 at 2:31 pm

    Grazie Silvia,
    mi fa piacere che apprezzi. Del resto con un’anima sensibile come la tua non potrebbe essere altrimenti 😉
    Bacioni!

  • Leave a Reply