Asia Viaggi Vietnam

Hué, la vecchia capitale imperiale del Vietnam

maggio 14, 2014

Durante un viaggio in Vietnam è molto probabile che vi troviate a passare da Hué, la vecchia capitale imperiale situata nel mezzo al paese. Dista, infatti, circa 700 chilometri da Hanoi al nord e 1100 da Ho Chi Minh City al sud ed è servita da un aeroporto lasciato in eredità dagli americani. È da questa città che sono partita per Hanoi ma non prima di averla girata in lungo e in largo a partire dalla sontuosa Città imperiale di ispirazione cinese, cimelio dei fasti di epoca imperiale.

Vietnam-Hue

Mura d’accesso a Hue


Hue, infatti, fu la capitale del Vietnam dal 1805 al 1945 sotto la guida degli imperatori Nguyen che fecero edificare la Cittadella, meta principale di qualunque viaggiatore in questa città. Ancora oggi svettano poderose mura invalicabili che custodiscono un mondo che parla di sfarzo antico.

Ingresso della cittadella imperiale

Ingresso della cittadella imperiale

Alla Città imperiale si accede da un enorme portale e subito si parano davanti agli occhi edifici di raffinata fattura e pregio: c’è il Padiglione delle Cinque Fenici, il Palazzo della Pace Suprema, il tempio dinastico The Mieu. Tutto qui è disposto in modo armonico, gli spazi si susseguono secondo un disegno ben preciso e non filtra nemmeno un rumore della vita al di fuori di quelle mura. Tutto è pace ed equilibrio.

Vietnam-Hue

Dentro la cittadella imperiale

Non basterebbe una giornata intera per visitare la Cittadella imperiale, ex sede del governo inaccessibile ai più: in alcune parti della struttura potevano entrare esclusivamente i membri della stirpe reale, le immancabili concubine e pochi altri eletti tra cui servi eunuchi e consiglieri del re. Per fortuna l’UNESCO si è accorta di quanto sia importante magnificare questi edifici e ha dichiarato i monumenti della Cittadella Patrimonio dell’Umanità.

Vietnam-Hue

Un tempio dentro la cittadella

Dovete sapere, però, che prima di questi provvidenziali riconoscimenti i principali edifici della cittadella fortificata vennero pesantemente danneggiati durante i bombardamenti della guerra, specialmente durante l’offensiva del Tet del 1968.

Vietnam-Hue

Una galleria coperta dai colori spettacolari

Hué è chiamata anche città purpurea, aggettivo che trova riscontro nei portoni laccati di rosso degli edifici imperiali, nei simboli di lunga vita incastonati in ogni dove in segno di buona fortuna.

Vietnam-Hue

Equilibrio e pace

Per quanto magnifica, Hué non può essere identificata solamente con la cittadella imperiale: fuori da quelle mura imponenti c’è la vita che passa dai banchi del mercato, dai risciò in corsa, dalle acque calme di un fiume che ha un nome meraviglioso, il Fiume dei Profumi. Ma di tutto questo vi parlerò a tempo debito.

Vietnam-Hue

Monaci nella cittadella

You Might Also Like

6 Comments

  • Reply Manuela maggio 14, 2014 at 11:53 am

    Divoro avidamente i tuoi post sul Vietnam!
    Luoghi incantati e affascinanti che non riescono a smaltire il pesante fardello della guerra recente.
    Bellissime anche le foto, come sempre! 🙂

    • Reply Mercoledì maggio 14, 2014 at 12:16 pm

      Grazie Manuela <3
      Ne ho ancora un po' da scrivere, quindi spero di regalarti altre emozioni! 🙂
      Grazie per le foto, secondo te quanto ho insultato quell'autobus nell'ultima foto?! 😀

      • Reply Manuela maggio 14, 2014 at 3:28 pm

        ahahahah posso capirti benissimo, le intrusioni iomprovvise mi fanno imbestialire!
        Ma ti assicuro che l’autobus ha collaborato al contrasto dei colori. Risultato perfetto 😉

        • Reply Mercoledì maggio 14, 2014 at 3:37 pm

          Vedi, non avevo pensato a questo aspetto!
          Grazie! 😉

  • Reply Cristina82t maggio 15, 2014 at 6:55 am

    Ma Serena!!! E’ stupenda! hai trovato una luce stupenda, belle foto e parole delicate. Hue e’ nel mio itinerario quindi appena ho idee un po’ più chiare sappi che ti scriverò :).. E non solo per questo, preparati! Per il pulmino sono D accordo con Manu e poi il turchese e’ stupendo per il contrasto! Grazie del post dedicato! 😉

    • Reply Mercoledì maggio 15, 2014 at 8:05 am

      Ciao Cristina! Scrivimi quando vuoi!
      Grazie per i complimenti, la dedica era d’obbligo 😉
      E come ti ho scritto, ne arriveranno ancora altri!

    Leave a Reply