Europa Paesi Bassi Tre giorni a Viaggi

Amsterdam in 4 giorni: consigli pratici di viaggio

luglio 4, 2014
I canali di Amsterdam

A volte mi prendono delle fisse e non posso far altro che assecondarle. Se hai un blog di viaggi, per esempio, non puoi permettere che qualche remota vacanza vada a perdersi nei meandri della memoria. Devi riesumarla e spremerne il succo finché non diventa qualcosa di piacevole da leggere e di utile per chi si prepara a intraprendere lo stesso viaggio.

Di Amsterdam non vi ho mai raccontato nulla ed è un vero peccato perché la città olandese per eccellenza merita almeno qualche riga encomiastica. Soprattutto quando comincia a fare di nuovo capolino la voglia di vederla di nuovo. Ecco allora che vi do qualche dritta pratica per raggiungerla, per girarla e per trarne il meglio se è la prima volta che ci andate!

I canali di Amsterdam

I canali di Amsterdam

Per prima cosa voglio raccomandarvi l’Amsterdam City Pass, una carta che ti permette di esplorare la città per 24, 48, 72 o 96 ore e grazie alla quale potrai accedere a più di 40 musei ad un prezzo vantaggioso, ancora di più se la acquistate da questo link che vi inserisco sotto!

Acquista Amsterdam City Pass a prezzo scontato

Come arrivare ad Amsterdam

Quando sono andata io, nel novembre 2007, ho volato con Transavia Airlines da Pisa all’aeroporto di Schipol. Da Schipol al centro città lo spostamento è facile perché garantito dai treni veloci che arrivano a Leidseplein, la stazione centrale della città. I treni sono ogni circa 15 minuti, impiegano circa 20 minuti e costano 4,50€ a tratta. Se invece preferite la massima comodità, potete prenotare un taxi dall’aeroporto di Schiphol all’hotel.

Prenota il Servizio Taxi dall’Aeroporto

Un’alternativa, sempre da Pisa (ma anche dagli aeroporti italiani di Alghero, Brindisi, Catania, Milano, Roma, Trapani, Treviso), è volare con Ryanair a Eindhoven, città situata a circa 120 chilometri a sud-est rispetto alla capitale olandese e molto vicino al confine col Belgio (accidenti, un altro posto che ho visitato e di cui non vi ho mai parlato! Non ne usciamo con questa storia dei viaggi passati…). Da Eindhoven si raggiunge Amsterdam con l’autobus numero 401 al prezzo di 2€ oppure in treno (1h e 20 minuti circa per 17.20€ solo andata o 34.40€ andata e ritorno.

All’epoca era stato un vero sbattimento reperire tutte queste informazioni e prenotare online. Per fortuna che adesso i viaggiatori ancora un po’ inesperti possono trovare online utili strumenti di comparazione. Io ero ancora alle prime armi come viaggiatrice ed ero sempre combattuta tra la troppa organizzazione e la voglia di improvvisare. E con questo veniamo a una nota dolente del viaggio: l’alloggio.

Lungo i canali

Lungo i canali

Dove dormire

Non che in generale trovare dove dormire ad Amsterdam sia difficile, ma quando a un paio di giorni dalla partenza ti poni il problema e tutti gli alberghi sembrano già prenotati un pochino la strizza ti viene. Se consideriamo, poi, che ero una studentessa squattrinata e che il mio budget per dormire era risicato le possibilità di scelta calano drasticamente. Infatti ho perso tutta la prima mezza giornata ad Amsterdam a cercare di non trovarmi a dormire sotto un ponte, optando in extremis per una stanza in casa di un cingalese abusivo. Non bene, no.

Per fortuna dal secondo giorno di permanenza si è liberata una stanza in uno degli ostelli più conosciuti di Amsterdam su cui avevo puntato gli occhi: il Flying Pig Uptown. Da lì è stato tutto in discesa!

Cosa vedere

1° giorno

Se, al contrario di me, vi organizzate prima della partenza per dormire e quindi non dovete perdere mezza giornata a cercare un letto, potete sfruttare l’intera giornata di viaggio (sempre che gli orari dei voli lo consentano). L’ideale è cominciare con un giro a piedi del centro della città per avere un’idea delle distanze e per familiarizzare col posto. Il punto centrale di partenza potrebbe essere piazza Dam, un viavai di turisti e locali situata a soli 5 minuti dalla stazione centrale e raggiungibile percorrendo la Damrak. Qui si trovano il Palazzo Reale, il Nationaal Monument ossia l’obelisco di pietra dedicato alle vittime della Seconda Guerra Mondiale, la Chiesa Nuova (Nieuwe Kerk) e il museo delle cere di Madame Tussauds.

Spostandosi di poco si raggiugono facilmente Leidseplein e Rembrandtplein. La prima, Leidseplein, è una delle mie piazze preferite in assoluto, dove si trovano molti locali per passare la serata e su cui si affacciano alberghi e negozi. La vita notturna gravita anche intorno a Rembrandtplein, dove campeggia la statua in bronzo del maggior pittore dell’Olanda, Rembrandt van Rijn.

Preferite avere un approccio guidato alla città? Prenotate una visita guidata!

Prenota una Passeggiata per Amsterdam

La zona vicino al NEMO

La zona vicino al NEMO

2° giorno

Il secondo giorno potrebbe essere dedicato a ciò che caratterizza Amsterdam: fiori, canali e pittori! La mattina si può fare un giro al Bloemenmarkt, il mercato dei fiori olandese. Qui si trovano fiori colorati di ogni tipo, bulbi – ottimo souvenir 😉 – e soprattutto l’unico mercato galleggiante d’Europa. La mattinata potrebbe continuare con un giro sul battello sui canali, vitali per città fin dalla sua origine. Ce ne sono ben 165 e furono creati secoli orsono per favorire commerci e trasporti. Sono talmente belli e caratteristici che nel 2010 l’UNESCO li ha dichiarati patrimonio dell’umanità. I tour sono disponibili in diverse lingue e partono da più punti della città.

Il pomeriggio lo dedicherei al Museo Van Gogh in Museumplein perché non si può essere ad Amsterdam da due giorni e resistere senza visitarlo! Acquistare in anticipo i biglietti online è una grande mossa, ve lo consiglio, così come vi consiglio di non arrivarci tardi perché altrimenti vi manca il tempo per assaporarvelo. Se all’uscita vi avanza tempo e non è già buio potete fare un giro a Vondelpark, uno dei polmoni verdi della città.

Vuoi saltare la fila al Museo Van Gogh? Prenota dal link sottostante:

Prenota il Museo Van Gogh e salta la fila

3° giorno

Ci spostiamo in un’altra zona della città e andiamo verso il distretto a luci rosse (Red Light District o Rossebuurt in olandese). Siamo nella Amsterdam libertina, dove (quasi) tutto è possibile. Quest’area è sempre molto affollata quindi occhio ai borseggiatori e anche a evitare comportamenti sconvenienti. Questo quartiere è sicuramente conosciuto per gli svaghi, ma ciò non toglie che sia importante anche a livello artistico: è qui che si trova la splendida Oudekerk (Chiesa Vecchia) in stile Gotico e una vera e propria China Town con molti ristoranti asiatici. La passeggiata può proseguire fino a Nieumarkt (la Pesa), uno dei quartieri più antichi della città. Non lontano si trova Montelbaanstoren, una torre campanaria eretta nel XVI secolo sul canale Oudeschans nonché uno dei soggetti preferiti nelle acqueforti di Rembrandt (tra poco arriviamo anche a lui!). Se avete ancora voglia di camminare raggiungete il NEMO di Renzo Piano, il più grande centro scientifico dei Paesi Bassi di cui si possono apprezzare le strane forme del profilo.

Il pomeriggio vi attende un altro appuntamento culturale, stavolta con Rembrandt e l’enorme Rijksmuseum. Se la visita non vi ha fiaccato troppo potete sfoggiare un bel sorriso di fronte alla gigantesca scritta “I Amsterdam” in Museumplein per una tipica foto ricordo (dai lo so che non potrai resistere!).

Se invece volete uscire dalla città, molti amici blogger mi hanno parlato benissimo del Keukenhof, un parco di ben 32 ettari coperti di fiori! Un’idea sarebbe abbinare questa escursione a una crociera sui canali. Qui sotto trovi il biglietto scontato e saltafila:

Acquista il biglietto per il parco Keukenhof e crociera sui canali

4° giorno

Ci mancano ancora un po’ di cosette interessanti quindi non abbassate la guardia e godetevi anche questo quarto giorno. Ci mancano ancora la Fabbrica Museo Heineken e un giro al mercato all’aperto in via Albert Cuyp nel quartiere De Pijp per un po’ di sano shopping in uno dei mercati più antichi d’Europa.

E poi ci sarebbero ancora i canali a Ovest, quelli nel Jordaan, uno dei quartieri più caratteristici di Amsterdam. Qui si trova la casa museo di Anna Frank (Anne Frank Huis), la Westertoren alta 85 metri e l’adiacente chiesa Westerkerk e la Noorderkerk. Insomma, gli spunti anche qui non mancano.

Se siete dei veri patiti di birra potete prenotare la Heineken Experience VIP, altrimenti potrebbe bastarvi la classica Heineken Experience (in questi link che vi metto avete dei prezzi scontati, approfittatene!).

Fabbrica Museo Heineken

Fabbrica Museo Heineken

Come spostarsi

Amsterdam è una città in cui quasi tutti si spostano in bicicletta ed è facile cedere al fascino delle due ruote, tanto più che in ogni dove i noleggi per le bici spuntano come funghi! L’altro modo più frequente di spostarsi ad Amsterdam è a piedi, poiché la città è in piano e i pedoni sono molto rispettati. E poi camminando non si perde nemmeno un dettaglio!

Anche per quanto riguarda i mezzi pubblici cascate sempre in piedi: il servizio pubblico integrato di bus, tram e metro è efficiente e capillare. Dal 2010 l’azienda di trasporti pubblici ha tolto la storica Strippenkaart, una lunga carta con vari biglietti che veniva timbrata ad ogni viaggio direttamente da un addetto sul mezzo. Adesso ci sono le OV-chipcard che funzionano come una carta prepagata e si possono acquistare secondo le ore in cui si soggiorna in città (24 – 48 – 72 – 96 – 120 – 144 – 168 ore e viaggi illimitati) ai seguenti prezzi.

Biciclette ad Amsterdam

Biciclette ad Amsterdam

Ecco, lo sapevo, adesso che ne ho parlato ho voglia di rivedere Amsterdam!

Per usufruire di altri sconti e biglietti salta fila potete andare a questa pagina dedicata:

Acquista biglietti scontati per le maggiori attrazioni di Amsterdam

You Might Also Like

17 Comments

  • Reply Valentina luglio 4, 2014 at 5:14 pm

    Questa settimana sei stata molto produttiva 😀 Molto bene direi, così io ho qualcosa di interessante da leggere 😀

    P.S. stranamente questa settimana sono stata anche io molto produttiva! C’era ispirazione nell’aria tra Toscana e Sardegna 😀

    • Reply Mercoledì luglio 4, 2014 at 5:46 pm

      😀 Grazie Valentina!
      In effetti anche io mi sto sorprendendo per questa costanza di almeno 2 post a settimana, mi sento ispirata, che ti devo dire! 😀

      Ti leggo sempre volentieri e poi fai delle foto strepitose… anzi, vengo subito a fare una capatina! 😉

  • Reply Marika luglio 4, 2014 at 7:01 pm

    Io ad Amsterdam sono stata tre volte ed è una città che mi è rimasta nel cuore. E poi, posso dirlo? La foto con la scritta gigante l’ho fatta anche io! 😀

    • Reply Mercoledì luglio 5, 2014 at 7:40 pm

      E hai fatto bene Marika!
      La prossima volta che ci torno me la faccio anche io! 😉

  • Reply barbara costa ottobre 7, 2014 at 8:45 pm

    Ciao, mi sto documentando su amsterdam xche il 25 ottobre saro li x 4 gg con le mie amiche….viaggio di sole donne… ho qualche dubbio se acquistare la amsterdam card …. solitamente camminiamo molto xcio nn utilizziamo i mezzi pubblici se nn x estrema esigenza….ho scelto 4/5 musei da visitare ( 4 dei quali usufruiscono solo xel 25% di sconto dal prezzo intero) quindi a conti fatti non credo che ci porterebbe ad un gran risparmio. Mi sai consigliare in proposito? Ciao e grazie

  • Reply Giorgia settembre 4, 2015 at 1:25 pm

    Ciao Serena! Il 27 dicembre andrò ad Amsterdam con il mio fidanzato è ci resterò tre notti (riparto il 30 sera).. Volerò con Easyjet da Milano Malpensa e il mio problema più grande é dove alloggiare! Non pretendo grandi cose in quanto ho un budget limitato 300€ in due per l’alloggio! L’unica mia richiesta è che non sia troppo lontano dal centro! Ho trovato alcuni appartamenti in zona joordan? Secondo te è comoda? Grazie

    • Reply Mercoledì settembre 6, 2015 at 4:13 pm

      Ciao Giorgia,
      quando sono andata ad Amsterdam ho soggiornato in ostello, ma non è una soluzione adatta a tutti anche se avevo scelto il Flying Pig che è molto carino e alla mano, inoltre, avevo preso la camera doppia quindi era anche riservato (ma col bagno in comune).

      Se cerchi una cosa veramente figa ti consiglio un posto che mi ha consigliato un mio amico che ha vissuto lì e che mi sono appuntata per la prossima volta che andrò. Si tratta del VOLKS hotel in una buona zona. La zona che dici te comunque è un’ottima area.

      Ti segnalo anche questo post che ho scritto per un altro blog: http://www.jetcost.it/blog-viaggi/2015/07/cose-insolite-da-fare-ad-amsterdam/

      Buona Amsterdam!

      • Reply elena ottobre 13, 2015 at 9:27 pm

        Gentilissime, vi posso chiedere dei consigli per alloggiare ad Amsterdam nel week dell’8 dicembre? sicuramente è freddo quindi NO HOUSEBOAT, ma volevo stare nella zona Dam square e NON ostello. appartamento sarebbe il top!! vi ringrazio!

        • Reply Mercoledì ottobre 14, 2015 at 11:11 am

          Ciao Elena,
          sono solo una, Serena 🙂
          IO ho alloggiato in ostello al tempo, altrimenti mi hanno suggerito come hotel fighissimo il VOLKS hotel.
          Se vuoi un appartamento puoi guardare fin da subito sui motori di ricerca maggiori, io uso Airbnb e Wimdu.

  • Reply Organizzare un week end ad #Amsterdam: la mini guida - My Social Travel febbraio 25, 2016 at 12:27 pm

    […] Serena Puosi […]

  • Reply gaia russo marzo 26, 2017 at 7:01 pm

    cerco spunto su dove andare ad amsterdam e trovo consiglio nel tuo blog!
    grazie sere!!
    baci
    gaia

    • Reply Mercoledì marzo 27, 2017 at 4:48 pm

      Fantastico Gaia!
      Se hai bisogno di altre dritte sono qua!
      Amsterdam è fantastica!
      Un bacio a te!

  • Reply paolo giugno 8, 2017 at 10:45 am

    ciao hai consigli su trasporti convenienti da Eindhoven a Amsterdam
    grazie mille porto domani

  • Leave a Reply