Croazia Europa Viaggi

Itinerario di 10 giorni tra Trieste, Laghi di Plitvice in Croazia e Istria

settembre 1, 2017
rovigno

Devo essere sincera con voi, ma soprattutto con me stessa: ho temporeggiato nello scrivere questo post perché ho preso questo viaggio come una vera e propria vacanza, come una parentesi di scollamento dal mondo tanto da serbarne gelosamente i ricordi. Per quanto sia partita con dei pregiudizi (vi racconto sotto), mi sono dovuta ricredere: ho visitato dei posti incredibilmente affascinanti e passato dei giorni molto piacevoli.

Questo viaggio è nato un po’ per caso, cercando di conciliare tempistiche incerte (stavamo aspettando la nascita di due splendide nipotine), il non voler spendere un capitale in voli aerei (che si sa, comprati sotto data nella settimana di Ferragosto non sono economici) e la voglia di fare un on the road visitando posti nuovi. La somma di questi fattori ci ha portato 10 giorni tra Trieste, i Laghi di Plitvice e l’Istria, tutte mete che avevo sempre snobbato o rimandato a data da destinarsi.

Devo ammetterlo: se non prendo un aereo, non mi sembra nemmeno di partire. È un mio limite, lo riconosco, sono drogata di adrenalina da aeroporto. La trafila che per molti è snervante – check-in, gate, attese, il volo stesso – per me è fonte di pura gioia. Sapere di non volare questa estate mi faceva sentire un po’ stanziale, come se quello che stavamo per intraprendere non fosse un vero viaggio. Ovviamente mi sono ricreduta, tanto più che adoro i viaggi on the road, ma riconoscere i propri limiti e imparare a superarli è un indice di maturità, no? 😉

Direi che con le premesse sono a posto, vi ho già anticipato tra le righe che il viaggio è andato bene e che lo consiglierei a tutti, famiglie con bambini in primis ma anche coppie o gruppi di amici, quindi via, ecco per voi i dettagli del viaggio!

rovigno

Informazioni generali

Giorni di viaggio: 10 (dal 10 al 19 agosto 2017)

Mezzi utilizzati: la nostra auto + un paio di barche per raggiungere le isole

Posti visti (tra parentesi il nome istriano): Trieste, Laghi di Plitvice, Rovigno (Rovinj), Isola di S.Andrea (Sveti Andrija), Pola (Pula), Bale (Valle), Dignano d’Istria (Vodnjan), Grisignana (Groznjan), Fasana (Fazana) isole Brioni (Brijuni), Parenzo (Poreč).

Plitvice

Alloggio

Ecco i posti in cui abbiamo alloggiato con le mie impressioni e i consigli.

Trieste: abbiamo scelto un B&B in pieno centro, la “Residenza Le 6 A” e ci siamo trovati bene. Stanza non troppo grande ma dotata di ogni cosa servisse, pulito e colazione normale. Il check-in è tutto automatizzato con un codice per entrare, ancora non ho capito se apprezzo o no: da una parte comodo perché puoi arrivare quando vuoi, dall’altra continuo a preferire il contatto umano. Trovare il parcheggio è stata una vera caccia al tesoro, la prossima volta credo cercherò qualcosa con un parcheggio più vicino e incluso nel prezzo.

Laghi di Plitvice: quando ci siamo decisi a includere i laghi in questo viaggio, ormai gli alloggi interni al parco erano belli e che prenotati da mesi. La soluzione è dormire in uno dei microscopici paesini circostanti, a mio avviso uno vale l’altro, tanto non c’è niente da fare se non l’escursione ai laghi! Noi abbiamo alloggiato all’Hotel Macola a Korenica, un mini paesino in cui l’attrattiva principale è sbronzarsi nei bar (o in alternativa andare allo “zoo” se così si possono chiamare due gabbie tristissime con due orsi e dei daini). L’hotel è enorme e spersonalizzato al massimo, ma fa la sua funzione, le stanze sono grandi e pulite ma la colazione scarsa. Potete trovare di meglio a mio avviso.

Qui voglio aprire una piccola parentesi per gli amici albergatori all’ascolto. Ascoltate amici albergatori, per me la colazione è di vitale importanza, è l’apostrofo rosa tra le parole “buongiorno” e “puoi parlarmi solo dopo un caffè”. Vi decidete a mettere qualcosa di commestibile su quel cavolo di tavolo con tovaglia bianca? No, le brioche surgelate non sono un’alternativa valida. E no, le mele e le arance in piena estate non valgono come frutta. Ma torniamo a noi.

Istria: per la prima volta nella nostra vita di viaggiatori con facoltà di decisione abbiamo preferito un appartamento con piscina per ben sei notti di fila. S-e-i-n-o-t-t-i-d-i-f-i-l-a, capito? Roba da non credere se me l’avessero detto durante uno qualsiasi dei nostri viaggi in coppia, quando la vera eccezione era dormire due notti nello stesso posto. Invece con i figli servono soluzioni più comode ed ecco che compaiono nuove esigenze. La vera novità, comunque, è che mi è pure piaciuto l’appartamento con piscina alla fine! Abbiamo alloggiato nei dintorni di Rovigno all’Apartments Paradis, non troppo lontano dalla cittadina ma nemmeno nel caos delle sue strade. L’appartamento ci ha fatto comodo per la cucina e la piscina è stata una vera benedizione per quelle volte in cui Anita aveva ancora voglia di fare un bagno (non le basta mai!) e noi di rilassarci. Ahahaha scherzavo su questo ultimo punto.

isole-brioni

Il viaggio con tutte le tappe giorno per giorno

1° giorno: Trieste

Il primo giorno siamo partiti di buon mattino (che con una bambina piccola significa alle 9 circa) e ci siamo incamminati verso i quasi 500 chilometri che ci separano da Trieste. Ad accoglierci il primo temporale estivo dopo mesi di caldo ininterrotto fortunati noi eh! Pioggia a parte, abbiamo dedicato a questa elegante città italiana solo qualche ora, quindi non starò qui a perdermi in consigli su cosa fare e vedere, vi dico solo che l’impressione è stata positiva, in più la volevo vedere da un sacco di tempo quindi è un altro piccolo desiderio realizzato. Bonus bellezza: il castello di Miramare, non perdetevelo!

castello-di-Miramare-Trieste

2° e 3° giorno: Korenica e Parco Nazionale dei Laghi di Plitvice

Anche il secondo giorno di viaggio prevedeva un bel po’ di strada, perché includere il Parco Nazionale dei Laghi di Plitvice in questo itinerario, significa allungare un po’, ma vi dico subito che ne vale la pena. Siamo arrivati a Korenica all’hotel nel primo pomeriggio dopo aver attraversato la verde Slovenia e ci siamo accorti ben presto che qui si viene solo per i laghi. Quindi il mio consiglio è: se riuscite ad arrivare presto andate subito ai laghi e pernottate una notte sola, altrimenti se volete prendervela con calma, fate come noi e state due notti, ma il posto non ha molto da offrire. Noi ci siamo fatti una passeggiata fino al suddetto zoo ma è stato di una tristezza unica, poi niente di meglio che andare presto a cena! Il secondo giorno qui l’abbiamo passato al parco nazionale e questo sì che è un vero spettacolo. Anche sotto la pioggia (tutti i cul… ehm fortune noi eh) vale tutti gli accidenti che abbiamo tirato quando ci siamo accorti che avremmo dovuto visitare il parco sotto una pioggia torrenziale (il giorno prima ovviamente c’era un sole che spaccava le pietre).

Ho parlato approfonditamente del parco in questo post: Parco Nazionale dei Laghi di Plitvice in Croazia: tutto quello che c’è da sapere per una visita

Dal giorno seguente in poi ci siamo diretti in Istria, rimanendo stanziali per dormire e spostandoci ogni giorno alla scoperta di qualche paesino, spiaggia o isola. Anche di questo vi parlerò in un post a parte, tante sono le cose da raccontare! Intanto vi lascio giorno per giorno ciò che abbiamo fatto.

laghi-di-plitvice

4° giorno: viaggio verso l’Istria e Rovigno

5° giorno: Pula e Fazana

6° giorno: Isola di S. Andrea

7° giorno: Valle, Dignano d’Istria e Parenzo

8° giorno: Grisignana

9° giorno: Isole Brioni

10° giorno: rientro a casa

Pula

Rovigno

Grisignana

L’impressione generale che ho avuto di questo viaggio è molto positiva, nonostante non si possa più dire che la Croazia sia un posto economico come lo era per noi dieci anni fa. Questa è la quarta volta che visito il paese e ho trovato molti cambiamenti in questo senso a distanza di qualche anno, ma rimane comunque più economico dell’Italia (parlo della mia zona almeno, la Versilia).

Per quanto riguarda il mare e i paesaggi niente da dire, l’acqua è stupenda e tutti i paesini che abbiamo visitato mi hanno lasciato qualcosa, merita davvero. Per il discorso cibo, invece, non mi ha impressionato un granché: la maggior parte dei posti propone menù turistici senz’anima, nel migliore dei casi il cibo non sa di niente, nel peggiore mangi male e ti spennano. Noi abbiamo mangiato spesso in appartamento, ma quelle volte che abbiamo deciso di cenare fuori, pur scegliendo tra i posti più raccomandati, non siamo mai rimasti entusiasti (ma forse abbiamo anche l’asticella molto alta, visto che Tommaso cucina veramente bene).

Per oggi vi lascio qui, promettendovi nelle prossime settimane i post dedicati al Parco Nazionale dei Laghi di Plitvice e quello dedicato ai paesini dell’Istria… almeno ora che l’ho scritto devo mantenere la promessa 😉

You Might Also Like

6 Comments

  • Reply roberta settembre 2, 2017 at 7:17 pm

    Per me Trieste è una delle città più belle d Italia e il castello di miramare è qualcosa di speciale unico, come uniche sono anche le isole di brioni! che meraviglioso mare ha anche il porto a Brioni?’!! per me è stato incredibile vedere i pesci nel porto in un acqua così nitida

    • Reply Mercoledì settembre 3, 2017 at 9:57 am

      Ciao Roberta,
      anche io sono rimasta affascinata dal castello di Miramare, ancora prima di vederlo dal vero me ne ero invaghita sulle foto online!
      Le isole Brioni avrei voluto godermele qualche giorno di fila dall’acqua stupenda che hanno, invece mi sono dovuta accontentare di una giornata toccata e fuga… tocca tornare 😉

  • Reply Giulia settembre 4, 2017 at 1:51 pm

    Ciò che racconti della Croazia purtroppo è vero, ci sono stata da piccolina e mi ricordo ancora di quanto fosse accogliente ed economica! Ora le cose sono un po’ cambiate ma rimane pur sempre una terra meravigliosa… non vedo l’ora di avere l’occasione di visitare i Laghi di Plitvice!

    • Reply Mercoledì settembre 4, 2017 at 2:35 pm

      Ciao Giulia,
      sono finiti i bei tempi della Croazia low cost ehehe però rimane sempre una terra molto affascinante e, devo dire, ancora molto accogliente. Per fortuna il turismo di massa non l’ha rovinata più di tanto. P.s. tra pochi giorni esce il post dedicato ai laghi! 😉

  • Reply Anna Costa settembre 18, 2017 at 2:03 pm

    Che bel giro! Io sono andata 10 giorni in giugno e ho fatto una scelta simile! Per l’alloggio ai laghi di Plitvice ci siamo trovati benissimo in una guest house, non so se preferisci alloggi più comodi, ma di sicuro la colazione che preparava la padrona di casa era il top! 😉

    • Reply Mercoledì settembre 18, 2017 at 2:10 pm

      Allora per la prossima volta ai laghi di Plitvice ti scrivo per l’indirizzo della guest house!
      A me va benissimo come tipo di alloggio, spesso lo preferisco agli hotel quindi perfetto!
      Spero presto di riuscire a pubblicare qualcosa in più sull’Istria!

    Leave a Reply